Decamerock

Decamerock, dalle canzoni ai racconti.

Undici sconosciuti si ritrovano in un pomeriggio nuvoloso ad aspettare un concerto in un bar.

Per ingannare l’attesa, decidono di raccontarsi delle storie legate in qualche modo alle canzoni che ascolteranno. Storie allegre e tristi, leggere e cupe, attuali e antiche, accomunate dalle suggestioni che parole e musica riescono a suscitare.

Ecco gli autori dei racconti e i brani che li hanno ispirati:

Marta Benali, See Emily play (Pink Floyd)

Elisa Bertoletti, Fast car (Tracy Chapman)

Ilenia Bilancio, Wond’ring aloud (Jethro Tull)

Bianca Brotto, Wallflower (Peter Gabriel)

Margherita Brunelli, Nothing compares to you (S. O’Connor)

Daniele Furia, Like a rolling stones (Bob Dylan)

Paola Paon, House with no door (Van Der Graaf Generator)

Chiara Reggiani, Why (Annie Lennox)

Elena Tommasi, Le passanti (Fabrizio De Andrè)

Alessandro Tondini, Fields of gold (Sting)

Michela Zancanella, You’ll follow me down (Skunk Anansie)

Le maledizioni di Bassavilla

“Bassavilla è stata costruita su una Sincronica Maggiore, una delle più potenti linee di scorrimento, e molti dei suoi abitanti vedono fantasmi e prevedono catastrofi. È una specie di talismano che pulsa in un certo modo. Sotto è piena di gallerie che conducono in strani posti con strani altari. Da quelle parti viaggiano le idee…

La pretesa mitologia di Bassavilla fa riferimento a un tòpos più che classico della letteratura fantastica: il villaggio maledetto; il (relativamente) piccolo paese dove il Male ha deciso di scatenarsi; gli abitanti strani che si conoscono tutti e guardano storto lo sfigato viandante”.    Danilo Arona

 

Gli autori: Danilo Arona, Giorgio Bona, Marco Caudullo, Lorenzo Crescentini, Giuliano Fiocco, Angelo Marenzana, Robert Mass, Rossana Massa, Luigi Milani, Gigi Musolino, Fabio Novel, Stefano Pastor, Claudia Salvatori, Raffaele Serafini, Fabrizio Vercelli